RUOTARE LO SCHERMO - IL SITO E' VISIBILE SOLTANTO IN MODALITA' ORIZZONTALE

ROTATE THE SCREEN - THIS WEBSITE IS ONLY VIEWABLE IN LANDSCAPE MODE

Comunicato Stampa – Fonti energetiche rinnovabili in Messico. Un mercato con grandi e concrete potenzialità per l’industria italiana.

Prosegue il ciclo di seminari dell’Osservatorio OIR sui grandi mercati emergenti.  Dopo Brasile, Russia, India, Cina, Turchia, Sud Africa e Polonia, l’ultimo evento è stato dedicato al Messico.

Il seminario si è tenuto martedì 8 maggio 2013 a Milano presso l’Ambrosianeum, in Via delle Ore 3. All’evento sono intervenuti: Andrea Gilardoni (Professore Università Bocconi e Presidente Osservatorio OIR), Rick Van Schoick (Direttore North American Center for Transborder Studies alla Arizona State University), Carlo Zorzoli (Direttore Business Development Iberia&Latam, Enel Green Power) e Salvatore Parano (Direttore ICE Mexico).

I principali risultati emersi dal seminario sono…

  • Il Messico ha ampie e rilevanti prospettive per lo sviluppo di progetti nelle rinnovabili anche a fronte delle difficoltà connesse all’ingresso nel mercato.
  • La legislazione messicana ha introdotto obiettivi a lungo termine riguardanti la riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra del 30% entro il 2020 e la copertura del 35% del fabbisogno energetico nazionale  con fonti rinnovabili entro il 2024.
  • Previsto lo sviluppo della rete di trasmissione elettrica,  predisposto per ricevere ulteriore energia da fonti rinnovabili. La Commissione Federale per l’Elettricità (CFE) investirà nelle infrastrutture avendo come priorità l’efficienza energetica e la produzione di energia pulita.
  • Questi ambiziosi obiettivi sono raggiungibili grazie all’elevato potenziale di sviluppo nelle rinnovabili, settore nuovo per il Paese e carente di conoscenze tecnologiche:
  • Per l’Eolico, il mercato ha un potenziale stimato superiore a 20 GW (rispetto a 1,26 GW attuali) e investimenti necessari previsti per 5,5 mld di dollari.
  • Per l’Idroelettrico si stima che attualmente viene utilizzato solo il 12% della capacità potenziale (3250 MW) di impianti di tipo mini-hydro.
  • Il Messico è il quarto produttore mondiale di energia Geotermica (965 MW) con un potenziale di circa 20.000 MW.
  • Esiste un enorme potenziale per il Fotovoltaico e il Solare Termico che nel 2030 rappresenteranno il 5% delle fonti di produzione di energia elettrica.

CRESCITA DELL’ ECONOMIA MESSICANA E MERCATO ENERGETICO IN EVOLUZIONE

Il mercato messicano attrae investimenti da parte di numerosi gruppi industriali, soprattutto nei settori manifatturieri. Il PIL raggiungerà il 5° posto a livello mondiale, è il secondo paese al mondo per trattati di libero scambio (44 FTA), la popolazione è in continua espansione (età media 27 anni) e il bonus demografico durerà ancora circa 20 anni. Storicamente la crescita del consumo di energia del paese è stata superiore alla crescita del PIL e sono stati sfruttati principalmente i combustibili fossili (attualmente costituiscono circa il 75% delle fonti utilizzate). Lo strategia energetica per la diminuzione delle emissioni di gas ad effetto serra adottata dal paese per il periodo 2012-2026 prevede una crescita delle fonti non convenzionali per la copertura della domanda di energia che nel periodo 2001-2010 è cresciuta in media del 2,7% e si prevede che possa crescere in media del 4% entro il 2026.

LE RINNOVABILI IN MESSICO

Il Messico presenta un potenziale nelle rinnovabili elevato. I margini di sviluppo e di miglioramento tecnologico sono ampi, in particolare per quanto riguarda alcune tecnologie.

Eolico

Alcune zone del paese (es. Stato di Oaxaca) presentano un potenziale eolico particolarmente elevato per la loro ventosità e coefficienti di utilizzo degli impianti del 50% (in Europa sono del 30%). Buone prospettive nello sviluppo del settore sono rappresentate dalle regioni ai confini con altri paesi. La strategia energetica per il 2012-2026 prevede una capacità potenziale tra i 5,3 GW e i 20 GW. Questa tecnologia può essere attrattiva per diverse tipologie di scala e per le alleanze di auto approvvigionamento energetico.

Idroelettrico

Lo sviluppo idroelettrico è legato soprattutto allo sviluppo della tecnologia mini-hydro, nella quale viene utilizzato solo il 12% della capacità potenziale e potrebbe coprire il 10-13% della capacità installata entro il 2026. Un grande potenziale è rappresentato anche dalle coste oceaniche per le tecnologie di sfruttamento delle correnti e del moto ondoso.

Geotermico

Il Messico presenta un elevato potenziale, anche se difficilmente quantificabile, nello sfruttamento dell’ energia termica per le caratteristiche geologiche del paese. Pur essendo il quarto produttore a livello mondiale, la capacità potenziale potrebbe essere molto più estesa di quella attualmente installata, sfruttando anche il potenziale offshore con tecnologie OTEC (Ocean Thermal Energy Conversion).

Fotovoltaico

Probabilmente il maggiore potenziale è legato al Fotovoltaico ed al Solare Termico in quanto il Messico possiede uno dei maggiori livelli di radiazioni solari al mondo e il 90% del territorio presenta un irraggiamento giornaliero di 5-6 KW/h per m2. Il settore potrebbe rappresentare fino al 5% della capacità installata del paese nel 2030. Questa tecnologia viene considerata una buona opportunità di investimento sia per le grandi imprese sia per le PMI e presenta la possibilità di operare indipendentemente dalla rete elettrica, alla quale è difficile connettersi.

LINK DELL’EVENTO

Il rapporto è disponibile su Agici Publishing