A35 BREBEMI:

UNA STORIA DI RILANCIO
DEL TERRITORIO

LO STUDIO AGICI SULL’IMPATTO
DELL’INFRASTRUTTURA SUL TERRITORIO

  • Mercoledì 8 luglio 2020
  • dalle 09:30 alle 11:30
Strada

EVENTO PASSATO

I principali risultati

Lo Studio è un aggiornamento delle tematiche affrontate nel lavoro di ricerca elaborato a inizi 2019 che analizzava i benefici connessi alla realizzazione dell’autostrada A35 Brebemi nel periodo dal 2014 (anno di apertura dell’Autostrada A35) al 2018. Esso metteva in evidenza importanti ricadute positive per i territori in termini di sviluppo del tessuto imprenditoriale, occupazione, crescita del mercato immobiliare e minore inquinamento e congestione sulle strade. Allo stesso tempo, era emersa una situazione ancora in divenire. Ciò per via del costante aumento dei flussi di traffico e del continuo interesse di PMI e di grandi realtà all’acquisto di aree edificabili lungo la A35.
Alla luce di questo, si è ritenuto opportuno aggiornare le stime degli impatti diretti e indiretti dell’Autostrada a un anno di distanza dall’ultima analisi, così da poter perfezionare anche la tendenza per gli anni futuri.
L’approccio adottato da Agici prevede l’analisi dei benefici diretti, legati ai flussi di traffico, e delle ricadute indirette sui territori, entrambi riscontrati nel corso del 2019. Nel complesso, si può affermare che la A35 Brebemi ha confermato la significativa capacità di attrazione per le imprese e i territori. Nel periodo in esame, infatti, i principali grandi e medi soggetti industriali hanno rinnovato e consolidato l’interesse a sviluppare la propria attività investendo nelle aree attraversate o prossime alla A35.
La A35 Brebemi sta consolidando il suo ruolo di catalizzatore dello sviluppo economico, sociale e ambientale:
  • · Nuovi insediamenti di grandi realtà produttive (Porsche Italia, Dole, Vercesi, Fluortecno) stanno continuando a favorire lo sviluppo del tessuto imprenditoriale.
  • · Nuovo impulso al settore immobiliare che evidenzia una richiesta crescente sia di immobili residenziali che a destinazione industriale.
  • · Trend positivo dell’occupazione lavorativa nelle tre province (Milano, Bergamo e Brescia) toccate dalla A35 Brebemi.
  • · Ulteriore miglioramento del traffico sulla A35 - con un aumento dell’8% nel 2019 - che ha contribuito a decongestionare le strade adiacenti, a ridurne l’inquinamento ambientale e ad aumentare la sicurezza.
  • · 120 milioni € di nuovi investimenti.
  • · 500.000 mq di aree riqualificate.
  • · 100 nuove assunzioni.
  • · 4,1 milioni € incassati dai Comuni per oneri di urbanizzazione.
  • · 2 milioni di €/anno di IMU riscossa dai Comuni.
  • · La riduzione dei tempi di percorrenza di circa 4 milioni di ore.
  • · La riduzione di oltre 35.000 tonnellate di CO2 poiché la A35 libera dal traffico (soprattutto quello pesante) i comuni dell’area interessata.
  • · La riduzione dell’incidentalità - 17 incidenti evitati sulle strade statali - per il decongestionamento dovuto alla nuova infrastruttura.
Principali dello studio Agici

clicca sull'infografica per il download

Gli obiettivi



Il webinar intende presentare lo Studio “Analisi degli impatti sul territorio della Autostrada A35 Brebemi nel 2019”, realizzato da AGICI Finanza d’Impresa, che stima le ricadute positive economiche, sociali e ambientali, portate ai territori dalla presenza di A35 Brebemi, nel corso del 2019, e ne evidenzia la crescita costante.

I fattori trainanti di questa crescita sono principalmente tre:
1. Il cosiddetto “effetto Brebemi”, ovvero l’insediamento di nuove realtà produttive nei comuni attraversati da A35, resi appetibili dalla loro maggiore connessione con la rete autostradale.
2. L’aumento dei flussi di traffico, con continuità anche nel 2019, che coincide con un decongestionamento della corrispondente tratta della A4 e della viabilità locale.
3. Gli ulteriori benefici per il settore commerciale, per quello turistico-ricettivo e per tutti i residenti della bassa bergamasca e bresciana, che possono raggiungere i capoluoghi di Milano e Brescia in tempi notevolmente ridotti.

La A35 Brebemi, dunque, sta consolidando il suo ruolo di catalizzatore dello sviluppo economico, sociale e ambientale. Inoltre, negli anni a venire, l’infrastruttura agevolerà una serie di rilevanti ulteriori sviluppi che vanno dall’innovazione tecnologica all’economia circolare, dall’occupazione alla salvaguardia dell’ambiente.

09:30 SALUTI E INTRODUZIONE
Prof. Andrea Gilardoni

Presidente, Agici

09:40 PRESENTAZIONE DELLO STUDIO AGICI

Impatti della A35 sul territorio al 2019

Dott. Michele Perotti

Analyst, Agici

10.00 CASO DI STUDIO

Porsche Experience Center

Dott. Pietro Innocenti

Amministratore Delegato, Porsche Italia

DISCUTONO I RISULTATI DELLO STUDIO
10:15
Dott. Gianantonio Arnoldi

Amministratore Delegato, CAL SpA

10:30
Dott. Francesco Bettoni

Presidente, A35 Brebemi

10:45
Avv. Claudia Maria Terzi

Assessore Infrastrutture e Trasporti Regione Lombardia

11.00 CONCLUSIONI
Avv. Attilio Fontana

Presidente Regione Lombardia

11.15 INTERVENTI DEI PARTECIPANTI

Gli speaker

Andrea Gilardoni

Andrea Gilardoni

Presidente
Agici
Michele Perotti

Michele Perotti

Senior Analyst
Agici
Pietro Innocenti

Pietro Innocenti

Amministratore Delegato
Porsche Italia
Gianantonio Arnoldi

Gianantonio Arnoldi

Amministratore Delegato
CAL SpA
Francesco Bettoni

Francesco Bettoni

Presidente
A35 Brebemi
Nome

Claudia Maria Terzi

Assessore Infrastrutture e Trasporti
Regione Lombardia
Attilio Fontana

Attilio Fontana

Presidente
Regione Lombardia

Agici Finanza d'Impresa

Siamo una società di ricerca e consulenza specializzata nel settore delle utilities, delle rinnovabili, delle infrastrutture e dell’efficienza energetica. Collaboriamo con imprese, associazioni, amministrazioni pubbliche e istituzioni per realizzare politiche di sviluppo capaci di creare valore.

L’approccio operativo e il rigore metodologico, supportati da un solido background teorico, assicurano un’elevata flessibilità che garantisce la personalizzazione delle soluzioni. La conoscenza della realtà imprenditoriale, la pluriennale esperienza nei settori di riferimento e una vasta rete di relazioni nazionali e internazionali completano il nostro profilo distintivo.